© 2017 by xilema carpenteria - via industrie, 24 6930 Bedano (CH) 

  • LinkedIn - Black Circle
  • Facebook - Black Circle
  • Instagram - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • Google+ - Black Circle
  • Pinterest - Black Circle

Nome: Casa Veragouth - Località: Besso - Anno: 2014 - arch. Bruno Keller

Il progetto particolarmente significativo per Xilema, perché si è trattato di una vera sfida. Un lotto di terreno ridotto, in pendenza, già in parte occupato da un lato; dall’altro invece un progetto ambizioso e il desiderio di realizzare un edificio con elevatissime performace di risparmio energetico. La sinergia tra la professionalità e l’esperienza dell’architetto Bruno Keller e la capacità di trovare soluzioni tecniche di alto profilo di Xilema hanno dato vita ad un progetto di cui siamo orgogliosi.

ABITAZIONE UNIFAMILIARE MINERGIE-A-ECO

La casa di Alma e Giacomo Veragouth è la prima abitazione monofamiliare certificata con standard Minergie-A-Eco in Ticino. Si trova a Lugano-Besso, in una tranquilla zona di periferia urbana facilmente raggiungibile dal centro città.

Grazie al basso fabbisogno energetico, la produzione di energia da fonti rinnovabili e a un impianto fotovoltaico, la casa produce più energia di quanta ne consuma e garantisce un comfort abitativo ottimale rispettando la salute dei suoi occupanti e dell'ambiente in generale.

L'edificio, certificato TI-001-A-Eco, è un esempio di edilizia sostenibile e architettura moderna.

Per affrontare al meglio la costruzione di Casa Veragouth è stato fondamentale porre le corrette basi per risolvere le problematiche legate al terreno di costruzione. Un concetto di base a fare da guida, una soluzione tecnica adeguata e la flessibilità costruttiva del legno sono le fondamenta teoriche su cui è realizzato l’edificio.

Il concetto prende forma dall’idea un basamento quadrangolare di cemento armato per l’appoggio di una costruzione di legno, posto al centro del terreno ed emergente da un “mare di ghiaia”.
Il terreno in pendenza circostante viene “allontanato” e contenuto da un perimetro di muri in cemento fortemente inclinati in modo da svincolare l’edificio di legno dalle costrizioni presenti nel lotto.
Un muro di cemento ad angolo sull’impronta dell’edificio preesistente ancora il nuovo involucro al sito conformando una corte esterna introversa.

arch. Bruno Keller

La pianta rettangolare su cui l’edificio si basa viene abbandonata in elevazione, quando le forme si liberano e proiettano corpi in aggetto verso lo spazio esterno. È uno di questi corpi a trasformarsi nell’elemento più caratteristico della casa: un ponte che collega la strada situata a monte del terreno con la soglia d’ingresso. 
Una volta entrati lo sguardo coglie tutti gli ambienti della casa, mentre poche e ragionate aperture nella struttura valorizzano al massimo gli elementi degni di nota dell’ambiente esterno.
Il piano giorno sfrutta al massimo la posizione dell’edificio, aprendosi sui quattro lati verso il giardino circostante, collegandosi poi al livello di ingresso su cui si trovano le camere attraverso un livello intermedio. Dalla soglia di ingresso poi si lascia notare, attraverso un Lucernario allungato su tutto l’edificio, uno spazio unico e particolare. Si tratta di un tetto-giardino, pensato come terzo livello della casa, accessibile solo dalla camera da letto padronale.

AMBIENTI APERTI, SLANCI VERSO L'ESTERNO E UNA GRANDE ORIGINALITÁ NELLA GESTIONE DEGLI SPAZI.

IL LEGNO GIUSTO PER OGNI DIVERSA ESIGENZA.

Costruire in legno significa prima di tutto saper scegliere il legno adatto. Ogni legno risponde con le sue caratteristiche a Esigenze diverse e la scelta del materiale è per Xilema un elemento fondamentale di ogni progetto.

Casa Veragouth presenta un involucro rivestito di doghe verticali di cedro, mentre per la pavimentazione del ponte e della terrazza sono state utilizzate doghe di larice. Per gli interni abbiamo utilizzato rovere oliato come pavimentazione del livello camere e della scala e inoltre gran parte degli arredi fissi così come tutti i rivestimenti sono stati realizzati in legno con vernici coprenti all’acqua.

arch. Bruno Keller